Regolamento e statuto

REGOLAMENTO INTERNO
ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA E CULTURALE  “EASY”

ARTICOLO 1
II presente regolamento, redatto dal Consiglio Direttivo dell’Associazione EASY e approvato durante l’Assemblea dei soci fondatori l’11 ottobre 2014, disciplina le attività che la nostra associazione svolge in conformità dello Statuo Sociale.

ARTICOLO 2
L’Associazione EASY è un’Associazione riconosciuta dallo CSEN e dalla SIAF,caratterizzata dalla democraticità della struttura e dall’uguaglianza dei diritti di tutti gli associati.

ARTICOLO 3
Ai soci è richiesta una condotta morale irreprensibile, civile e sportiva, conforme ai principi di lealtà, probità e rettitudine sportiva e sociale, con l’obbligo di astenersi da ogni forma di illecito sportivo e da qualsivoglia indebita esternazione pubblica lesiva della dignità, del decoro, del prestigio dell’associazione e dei suoi organi.

ARTICOLO 4
Lo statuto e il regolamento interno dell’Associazione EASY sono a disposizione, per tutti coloro che sono o vogliono diventare soci, sul sito  www.padronanzadelse.it nella pagina dedicata all’associazione e nella sede legale dell’Associazione.

ARTICOLO 5
Coloro che intendono iscriversi all’Associazione EASY devono:

  • leggere lo statuto e il regolamento interno;
  • fare domanda scritta al Consiglio Direttivo redatta su apposito modulo;
  • fornire copia del certificato medico in corso di validità qualora richiesto;
  • in caso di domanda di ammissione  presentata per  minorenni, il genitore che sottoscrive la domanda , rappresenta il minore a tutti gli effetti nei confronti dell’associazione e risponde verso la stessa per tutte le obbligazioni dell’associato minorenne;
  • il Consiglio direttivo esaminerà la domanda presentata e il Presidente o un suo delegato (Vicepresidente o Segretario o Socio delegato), darà comunicazione verbale o via mail in merito dell’accettazione o meno della domanda;
  • l’adesione all’Associazione è a tempo indeterminato, resta salvo il diritto di recesso da parte del socio, senza però aver diritto alla restituzione della quota associativa corrisposta.

ARTICOLO 6
Le assemblee verranno convocate  via mail dal Presidente 15 giorni prima dell’adunanza e sarà affisso un’ avviso nella sede legale dell’Associazione. La convocazione sarà inoltre pubblicata nella pagina dedicata all’associazione nel sito www.padronanzadelse.it. Le deliberazioni da essa, legittimamente adottate, obbligano tutti gli associati, anche se non intervenuti o dissenzienti, alla loro attuazione. I soci che non aderiscono alle deliberazioni assunte dall’assemblea decadono dalla qualifica di soci.

ARTICOLO 7
I mezzi finanziari dell’associazione sono principalmente costituiti da:
Quota associativa versata;
Quote mensili o occasionali per l’adesione alle singole attività.
Le quote associative annue e gli abbonamenti sono dovuti indipendentemente da situazioni di fermo volontario (festività, ferie etc.) e/o forzato (manutenzioni etc.) dell’associazione e indipendentemente dai giorni di presenza dei partecipanti ai corsi sottoscritti.
Il socio non potrà addurre alcuna giustificazione che lo esoneri dal pagamento, né potrà richiedere rimborsi, recuperi o riduzioni di sorta.
Per quanto sopra, diventando socio dell’associazione, ci si impegna a versare tutte le quote (associativa e , qualora, di abbonamento) stabilite annualmente dal Consiglio Direttivo, rispettando i tempi e le modalità da esso indicati, in conformità dello Statuto e nel presente regolamento.
I soci sono invitati a provvedere al rinnovo della quota annua entro 20 giorni dalla scadenza del versamento richiesto e della quota di abbonamento mensile entro 20 giorni dalla sottoscrizione, pena la decadenza dalla qualifica di socio.
Il socio che commette azioni ritenute disonorevoli, entro e fuori dall’associazione, o che con la sua condotta costituisce ostacolo al buon andamento del sodalizio può essere radiato con delibera della maggioranza assoluta del Consiglio Direttivo.

ARTICOLO 8
Ogni socio è responsabile del materiale e dei macchinari utilizzati e del materiali di uso comune (sanitari, tappetini, docce, armadietti etc). Ogni trascuratezza che causerà danni agli stessi comporterà, per il suddetto, il versamento della cifra necessaria per un nuovo acquisto. Se il socio è minorenne risponderanno i genitori o chi ne fa funzione.

ARTICOLO 9
Il scoio è tenuto a:

  • indossare l’abbigliamento consono in base alla partecipazione delle attività;
  • tenere il cellulare spento o silenzioso durante le attività;
  • i bambini dovranno essere accompagnati alle attività dai genitori o da chi per essi e dovranno essere affidati agli istruttori nonché essere venuti a prendere rispettando gli orari del fine lezione per evitare soste non sorvegliate degli stessi nei locali ove si terrà l’attività;
  • rispettare gli orari di inizio e fine attività.

ARTICOLO 10
Non si effettua servizio di custodia beni o valori. I soci sono pregati di consegnare agli istruttori o, qualora in funzione, alla segreteria tutto ciò che viene dimenticato da parte di altri soci nelle sale o negli spogliatoi. Si declina la responsabilità per furti o danneggiamenti avvenuti all’interno o all’esterno di dove verrà svolta l’attività, compreso veicoli parcheggiati.

ARTICOLO 11
All’interno delle sale dove verranno svolte le attività è:
Vietato fumare;
Vietato portare o consumare alcolici o sostanze illecite;
Vietato introdurre oggetti pericolosi.
I rifiuti dovranno essere depositati negli appositi raccoglitori, tenendo cura dell’indifferenziata e di lasciare i locali nel miglior stato possibile, nel rispetto della collettività e del lavoro volontario dei soci che se ne occupano.
Il presente Regolamento Interno costituisce recepimento e parte integrante dello Statuto Societario e potrà essere modificato dal Consiglio Direttivo previa approvazione dell’Assemblea dei soci.

Il Segretario                                                                              Il Presidente
Maurizio Taricco                                                                     Isabella Gioffrè

 

STATUTO DELL’ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA E CULTURALE
“EASY a.s.d.c.”

Titolo I – Costituzione – Sede – Durata
Art. 1) E’ costituita un’Associazione sportiva dilettantistica e culturale, ai sensi dei 16 articoli sotto elencati, denominata “EASY associazione sportiva dilettantistica e culturale”, in breve “EASY a.s.d.c.”.
Art. 2) L’Associazione ha sede in Savona, Via Santa Lucia n. 3/5. L’ Associazione utilizza per i suoi scopi i locali più idonei allo svolgimento delle attività, sul territorio Nazionale ed Estero, che comunicherà di volta in volta ai soci stessi. Il sodalizio si conforma alle norme ed alle direttive degli organismi dell’ordinamento sportivo, con particolare riferimento alle disposizioni del CONI nonché agli Statuti ed ai Regolamenti delle Federazioni sportive nazionali o dell’ente di promozione sportiva cui l’associazione si affilia mediante delibera del Consiglio Direttivo.
Art. 3) L’Associazione è apolitica e non ha scopo di lucro. Durante la vita dell’associazione non potranno essere distribuiti, anche in modo indiretto o differito, avanzi di gestione nonché fondi, riserve o capitale.
Art. 4) La durata dell’Associazione è a tempo indeterminato.

Titolo II – Scopi e finalità
Art. 5) L’Associazione è costituita allo scopo di incrementare e qualificare le competenze e le attitudini delle persone per lo sviluppo personale, finalizzate alla crescita sociale, alla realizzazione personale, alla creazione di opportunità per ogni categoria di soggetti ed ogni fascia sociale.
Essa, conseguito il riconoscimento ai fini sportivi, ha per finalità lo sviluppo e la diffusione di attività sportive connesse alle discipline sportive in tutte le sue forme ed espressioni, con particolare riferimento a quelle utilizzate per lo sviluppo psicofisico del corpo. In particolare si propone il raggiungimento dei seguenti scopi:

  • promuovere e sostenere lo Yoga, la Danza, il Taichi, l’Aikido, il Karate, il Tiro con l’Arco, lo Yoga della Risata, il Calcio, il Tennis, il Nuoto, il Canottaggio, il Pilates, il Fitness, il Golf e la  Meditazione Attiva;
  • promuovere e divulgare la cultura, l ’informazione e la formazione olistica;
  • promuovere l’immagine ed il ruolo etico sociale degli Operatori Olistici;
  • promuovere e divulgare l’arte in ogni sua forma (scrittura, poesia, lettura, fotografia, pittura, musica, canto e teatro);
  • sostenere e divulgare l’interscambio culturale (linguistico ,didattico, sociale, culinario, sportivo e religioso);
  • promuovere la cooperazione tra le persone e la cultura del lavoro di gruppo;
  • proporsi come luogo di incontro e di studio su temi di formazione personale, leadership, crescita professionale, linguistica, etica, culturale e sociale.

L’Associazione svolgerà tale scopo mediante la gestione di ogni forma di attività agonistica dilettantistica ricreativa o di ogni altro tipo di attività motoria e non, idonea a promuovere la conoscenza e la pratica della citate discipline. Per il miglior raggiungimento degli scopi sociali, l’associazione potrà, tra l’altro, svolgere l’attività di gestione, conduzione, manutenzione ordinaria di impianti ed attrezzature sportive abilitate alla pratica della suddetta disciplina sportiva. Il sodalizio è altresì tenuto allo svolgimento di attività didattica per l’avvio, l’aggiornamento e il perfezionamento nello svolgimento della pratica sportiva delle discipline sopra indicata. Inoltre l’associazione svolgerà una proficua attività nel campo ricreativo e sociale, organizzando, gestendo ed impostando corsi, seminari, incontri, mostre, concerti e tutto quello che può servire per lo sviluppo sociale dei propri associati. Sussistendone i presupposti, l’associazione potrà svolgere attività ricreativa in favore dei propri soci, ivi compresa, se del caso, la gestione di un posto di ristoro. L’associazione è altresì caratterizzata dalla democraticità della struttura, dall’uguaglianza dei diritti di tutti gli associati, dall’elettività delle cariche associative; si deve avvalere prevalentemente di prestazioni volontarie, personali e gratuite dei propri aderenti e non può assumere lavoratori dipendenti o avvalersi di prestazioni di lavoro autonomo se non per assicurare il regolare funzionamento delle strutture o qualificare e specializzare le sue attività.
L’associazione accetta incondizionatamente di conformarsi alle norme e alle direttive del Coni, nonché agli statuti e ai regolamenti della Federazione o Ente di Promozione cui intenderà affiliarsi;
Costituiscono quindi parte integrante del presente statuto le norme degli statuti e dei regolamenti dell’ente di promozione sportiva e/o federali nella parte relativa all’organizzazione o alla gestione delle società affiliate.

Art. 6) L’Associazione “EASY”, per il raggiungimento dei suoi fini intende inoltre promuovere, anche mediante distribuzione di gadget e materiale pubblicitario, varie attività, in particolare:

  • attività culturali: convegni, conferenze, mostre, presentazioni, dibattiti, seminari, proiezioni di films e documentari, concerti, simposi, corsi, rassegne e spettacoli.
  • attività di formazione: corsi di formazione teorico-pratici, corsi di specializzazione, corsi di aggiornamento, corsi di perfezionamento, istituzioni di gruppi di studio e di ricerca;
  • attività editoriali: pubblicazioni di testi, pubblicazioni di dispense, pubblicazioni di bollettini, di video e registrazioni vocali (cd), pubblicazione di atti di convegni , di seminari, nonché degli studi e delle ricerche compiute, con l’utilizzo di tutte le tecnologie disponibili, rivolte anche ai non soci, per la divulgazione della sue attività e di quella dei suoi soci.

Titolo III – I Soci
Art. 7)Il numero dei soci è illimitato

a) Ammissione dei soci
Sono ammessi a far parte dell’Associazione tutti gli uomini, le donne, le società e gli Enti che accettano gli articoli dello Statuto e del regolamento interno, che condividano gli scopi dell’associazione e si impegnino a dedicare una parte del loro tempo libero per il loro raggiungimento. L’organo competente a deliberare sulle domande di ammissione degli aspiranti soci è il Presidente. L’ammissione all’Associazione è deliberata dal Consiglio Direttivo su domanda scritta del richiedente nella quale dovrà specificare le proprie complete generalità. In base alle disposizioni di legge 675/97 tutti i dati personali raccolti saranno soggetti alla riservatezza ed impiegati per le sole finalità dell’Associazione previo assenso scritto del socio. Il diniego va motivato.

b) Diritti dei soci
Tutti i soci maggiorenni godono, al momento dell’ammissione, del diritto di partecipazione nelle assemblee sociali nonché dell’elettorato attivo e passivo. Tale diritto verrà     automaticamente acquisito dal socio minorenne alla prima assemblea utile svoltasi dopo il raggiungimento della maggiore età.
Al socio maggiorenne è altresì riconosciuto il diritto a ricoprire cariche sociali all’interno dell’associazione.

All’atto dell’ammissione il socio di impegna al versamento della quota di autofinanziamento annuale nella misura fissata annualmente con delibera del Consiglio Direttivo ed Approvata in sede di bilancio dell’Assemblea ordinaria (in ogni caso non potrà mai essere restituita), al rispetto dello Statuto e dei regolamenti emanati. Non è ammessa la figura del socio temporaneo. La quota associativa è intrasmissibile e non rivalutabile.
Ci sono  due categorie di soci:

  • soci fondatori: coloro che sono intervenuti alla costituzione dell’associazione, hanno diritto di voto, sono eleggibili alle cariche sociali, la loro qualità di soci ha carattere di perpetuità, non è soggetta ad iscrizione annuale, ma solo al pagamento della quota sociale.
  • soci effettivi: coloro che hanno richiesto e ottenuto la qualifica di socio al Presidente. Potranno prendere parte alle assemblee ordinarie e straordinarie dell’associazione i soli soci in regola con il versamento della quota annua e non soggetti a provvedimenti disciplinari in corso di esecuzione. Avranno diritto di voto solo gli associati maggiorenni.

Il numeri dei soci effettivi è illimitato. I soci sono tenuti al pagamento della tessera sociale o di eventuali quote contributive mensili o con altre periodicità in relazione alle attività dell’associazione. I soci sono tenuti all’osservanza dello Statuto e degli eventuali regolamenti interni e delle delibere prese dagli organi sociali, comprese eventuali integrazioni della cassa attraverso versamenti di quote straordinarie.

I soci hanno diritto di frequentare i locali ove l’associazione presterà la sua opera e di partecipare alle manifestazioni indette dall’ associazione stessa.

Le attività svolte dai soci a favore dell’associazione e per il raggiungimento dei fini sociali sono svolte prevalentemente a titolo di volontariato e totalmente gratuite. L’associazione, per il raggiungimento dei suoi scopi, può assumere lavoratori dipendenti o avvalersi di prestazioni di lavoro autonomo, anche ricorrendo ai propri associati.
Possono ricoprire cariche sociali i soli soci, regolarmente tesserati alla Federazione di appartenenza, in regola con il pagamento delle quote associative che siano maggiorenni, non si trovino in uno dei casi di incompatibilità previsti dalla legge o dalle norme e dai regolamenti del Coni e della Federazione di appartenenza e non siano stati assoggettati da parte del Coni o di una qualsiasi delle altre Federazioni sportive nazionali ad esso aderenti a squalifiche o sospensioni per periodi complessivamente intesi superiori ad un anno.

Titolo IV – Organi dell’Associazione
Art. 8) Gli organi dell’Associazione sono:

  • l’Assemblea
  • Il Consiglio Direttivo
  • Il Presidente

L’Assemblea

a) L’Assemblea è l’organo sovrano dell’associazione.
b) L’Assemblea è composta da tutti i soci in regola con i versamenti.
c) L’Assemblea:

  • approva il rendiconto economico e finanziario;
  • approva il programma annuale e pluriennale di iniziative, di attività e di investimenti ed eventuali interventi straordinari;
  • decide l’importo della quota associativa annua proposta del Consiglio Direttivo;
  • delibera la costituzione di sezioni, società e di altri organismi e decide su eventuali controversie relative ai diversi regolamenti e sulla loro compatibilità con i principi dello Statuto;
  • elegge il Presidente, ed i membri del Consiglio Direttivo;
  • esamina i ricorsi presentati dai soci avverso le decisioni del Consiglio Direttivo,
  • approva le modifiche dello Statuto.

d) L’Assemblea, sia ordinaria che straordinaria, è regolarmente costituita, con la presenza di metà più uno dei soci. Nelle assemblee, ordinarie e straordinarie, hanno diritto di voto gli associati maggiorenni, purché in regola con il versamento della quota associativa, secondo il principio del voto singolo.
e) In seconda convocazione, l’Assemblea è regolarmente costituita qualunque sia il numero degli intervenuti e delibera validamente a maggioranza assoluta dei soci presenti.
f)La seconda  convocazione dell’Assemblea può aver luogo almeno un’ora dopo la prima.
L’Assemblea è convocata dal Consiglio Direttivo in via ordinaria  almeno una volta l’anno entro i quattro mesi successivi alla chiusura dell’esercizio sociale; in via straordinaria su richiesta del Comitato Direttivo o di 1/3 della base sociale. In questo caso l’Assemblea dovrà essere convocata entro 15 giorni dalla data in cui viene richiesta.
h) La convocazione deve essere effettuata mediante avviso da affiggersi nel locale della sede sociale almeno 15 giorni prima   dell’adunanza e conterra’ l’ordine del giorno, il luogo, la data e l’orario della prima e della seconda convocazione. La convocazione dell’ assemblea contenente l’ordine del giorno, il luogo, la data e l’orario della prima e della seconda convocazione, sara’ altresi’ pubblicata sul sito internet dell’associazione ed inviata via e-mail o via fax ai soci almeno 15 giorni prima dell’adunanza.

g) L’Assemblea, sia ordinaria che straordinaria, è presieduta da un Presidente nominato dall’assemblea stessa; le deliberazioni adottate dovranno essere riportate su apposito libro dei verbali e portate a conoscenza dei soci assieme al rendiconto economico e finanziario.
h) Le votazioni sull’argomento all’ordine del giorno, dirette e personali, possono avvenire per alzata di mano o a scrutinio segreto, qualora ne faccia richiesta 1/3 dei presenti:
i) L’Assemblea per il rinnovo degli organi dell’Associazione:

  • Stabilisce il numero dei membri del Consiglio Direttivo composto di norma da un  minimo di 3 ad un massimo di 5 membri;
  • Elegge il comitato elettorale per adempiere a tutte le operazioni inerenti il voto;
  • Approva il regolamento per le elezioni;

j) Il Presidente dell’Assemblea comunica agli eletti i risultati delle elezioni e convoca entro 15 giorni il Consiglio Direttivo per la distribuzione della cariche.
k) La prima riunione del Consiglio Direttivo è presieduta dal Consigliere che ha ricevuto il maggior numero di suffragi, in mancanza del secondo e così via fino alla distribuzione della cariche, resta in carica il comitato uscente per l’ordinaria amministrazione.

Consiglio Direttivo
a) Il Consiglio Direttivo è l’organo esecutivo dell’associazione, è formato da un minimo di tre ed un massimo di 5 membri scelti tra gli associati maggiorenni in relazione ai quali non sussistano cause di incompatibilità previste dall’ordinamento sportivo nell’assunzione dell’incarico.
b) Il Consiglio Direttivo fissa le responsabilità dei consiglieri in ordine alle attività svolte dall’associazione per il conseguimento dei propri fini.
c) Il Consiglio Direttivo, per compiti operativi, può avvalersi dell’attività volontaria anche di cittadini non soci, in grado, per competenze specifiche, di contribuire alla realizzazione di specifici programmi.
d) Il Consiglio Direttivo può avvalersi di commissioni di lavoro, da esso nominate.
e) I Membri del Consiglio Direttivo durano in carica di norma quattro anni e sono rieleggibili. Ove venisse a mancare, per qualsiasi motivo, un membro del Consiglio Direttivo, gli subentra il primo dei non eletti.
f) Il Consigliere che, salvo giustificate cause di forza maggiore, non interviene a 3 riunioni consecutive del Consiglio Direttivo, viene dichiarato decaduto.
g) Il Consiglio Direttivo viene convocato dal Presidente in via ordinaria ogni 4 mesi, ed in via straordinaria, su richiesta del Presidente o di almeno di un terzo dei suoi membri.
h) Le sedute del Consiglio Direttivo sono presiedute dal Presidente.
i) Il Consiglio Direttivo:

  • Formula i programmi di attività sociale previsti dallo Statuto e li sottopone all’assemblea;
  • Attua le deliberazioni dell’assemblea;
  • Decide l’importo delle quote suppletive per determinati servizi.
  • Propone all’assemblea il regolamento dell’applicazione dello Statuto;
  • Decide sulle eventuali controversie che dovessero insorgere fra i soci e sulle eventuali misure disciplinari da infliggere ai soci;
  • Decide le forme e le modalità di partecipazione dell’Associazione alle attività organizzate nella zona;

l) Il Consiglio Direttivo è tenuto a verbalizzare le proprie decisioni.
m) Il consiglio direttivo redige il bilancio dell’associazione, sia preventivo che consuntivo da sottoporre all’approvazione assembleare. Il bilancio consuntivo deve informare circa la complessiva situazione economico-finanziaria dell’associazione
Il Segretario, all’interno del Consiglio Direttivo, svolge mansione di consigliere e di tesoriere dell’associazione:

  • cura i registri della suddetta e redige i verbali delle riunioni del Consiglio Direttivo;
  • mette a bilancio ogni movimento economico e finanziario dell’Associazione;
  • cura i movimenti di cassa,
  • sostituisce il Presidente, qualora da egli delegato, nelle operazioni di ordinaria e straordinaria amministrazione,

il tutto solo dietro espressa  approvazione del Presidente.

Il Presidente
a) Il Presidente

  • Rappresenta l’Associazione nei rapporti esterni, personalmente o a mezzo dei suoi delegati (Vicepresidente o Segretario e, qualora impossibilitati, da un delegato da lui preposto) ed assume i poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione;
  • Convoca e presiede il Consiglio Direttivo;
  • Cura l’attuazione delle delibere del Consiglio Direttivo;
  • Accetta le richieste di adesione dei soci e ne dà la delibera;
  • Può aprire e chiudere conti correnti e postali e procedere agli incassi;
  • Stipula gli atti inerenti all’attività dell’associazione.

b) Un Vicepresidente, in caso di impedimento o prolungata assenza del Presidente, lo sostituisce nei suoi compiti;
c) Il Presidente uscente è tenuto a dare regolari consegne organizzative, finanziarie e patrimoniali al nuovo Presidente, entro 20 giorni dalle elezioni di questi. Tali consegne devono risultare da apposito processo verbale che deve essere portato a conoscenza del Comitato Direttivo alla prima riunione.
d)Il presidente dirige l’associazione e ne controlla il funzionamento ed è il legale rappresentante in ogni evenienza.

Titolo V – Dimissioni, Recesso ed Esclusione
Art. 9) La qualifica di socio si perde per recesso, esclusione o a causa di morte.
a) I soci possono dare le dimissioni dall’Associazione in qualsiasi momento purché non vi siano pendenti impegni economici assunti dall’Assemblea per investimenti ed interventi straordinari. Le dimissioni da socio devono essere presentate per iscritto al Consiglio Direttivo. Il socio dimissionario è tenuto alla restituzione della tessera dell’Associazione all’atto della presentazione delle dimissioni.
b)Le dimissioni da organismi, incarichi e funzioni debbono essere espresse per iscritto al Consiglio Direttivo. Il Consiglio Direttivo ha facoltà di discutere e di chiedere eventuali chiarimenti prima di ratificarle.
c) Nel caso di dimissioni dal Consiglio Direttivo, subito dopo la ratifica da parte dell’organo stesso, spetta al Presidente dell’Associazione dare comunicazioni al subentrante (o ai subentranti) delle variazioni avvenute.
d) Le somme versate per il tesseramento e per altri eventuali servizi dell’associazione già usufruiti non sono rimborsabili in nessun caso.
e) L’esclusione sarà deliberata dal Consiglio direttivo nei confronti del socio:

  • Che non ottemperi alle disposizioni del presente statuto, degli eventuali regolamenti e delle deliberazioni adottate dagli organi dell’Associazione;
  • Che si renda moroso del versamento del contributo annuale per un periodo superiore a tre mesi decorrenti dall’inizio dell’esercizio sociale;
  • Che svolga o tenti di svolgere attività contrarie agli interessi dell’Associazione;
  • Che, in qualunque modo, arrechi danni gravi, anche morali, all’Associazione.

Titolo VI- Gratuità degli incarichi
Art. 10) Gratuità degli incarichi
a) Le funzioni di membro del Consiglio Direttivo e degli incarichi svolti dai cittadini che prestano attività volontaria, sono completamente gratuite;
b) Eventuali rimborsi per spese e/o prestazioni dovranno essere concordati e definiti specificatamente col Consiglio Direttivo ed iscritti nel bilancio dell’associazione.

Titolo VII- Patrimoni e bilancio
Art. 11) Patrimoni e bilancio
Il patrimonio sociale dell’Associazione è costituito da:

  • Proventi da tesseramento;
  • Eventuali versamenti dei soci, dei loro familiari e di tutti coloro che fruiscono delle iniziative dell’Associazione;
  • Eventuali contributi pubblici;
  • Proventi dalle manifestazioni e dalle gestioni dell’Associazione;
  • Donazioni, lasciti, elargizioni speciali, sia di persone che di Enti Pubblici o privati, concessi senza condizioni che limitino l’autonomia dell’Associazione;
  • Beni mobili ed immobili di proprietà dell’Associazione.

Titolo VIII- Esercizi sociali
Art. 12) Esercizi sociali
Gli esercizi finanziari si chiudono al 31 dicembre di ogni anno. Il primo esercizio sarà chiuso il 31 dicembre 2014.
L’anno sociale inizia dal  01/settembre e finisce al 31/agosto dell’anno successivo.

Alla fine di ogni esercizio il Consiglio Direttivo redige il rendiconto economico e finanziario che deve essere presentato all’approvazione dell’Assemblea entro il 30 Aprile dell’anno seguente. L’eventuale avanzo di gestione dovrà essere interamente reinvestito a favore delle attività istituzionali previste dal presente Statuto.

Titolo IX- Responsabilità amministrativa
Art. 13) Responsabilità amministrative
a) Per le operazioni di carattere amministrativo, economico e finanziario, è necessaria la firma del Presidente.
b) Il Consiglio Direttivo può peraltro nominare un altro componente per le incombenze di cui sopra in sostituzione o in assenza o impedimento del Presidente.

Titolo X – Modifiche statutarie
Art.14) Modifiche statutarie
Questo Statuto è modificabile con delibera assembleare, su richiesta del Presidente e/o del Consiglio Direttivo, con la presenza della metà più uno dei soci dell’associazione o, qualora non  raggiunto il quorum in prima convocazione, con la presenza  effettiva dei soci in seconda convocazione e con voto favorevole della maggioranza dei presenti. Ogni modifica o aggiunta non potrà essere in contrasto con gli scopi sociali, con la dottrina e il regolamento interno e con la Legge italiana.

Titolo XI- Scioglimento dell’Associazione
Art. 15) Scioglimento dell’Associazione
Lo scioglimento dell’associazione è deliberato dall’assemblea generale dei soci, convocata in seduta straordinaria e validamente costituita con la presenza di almeno 3/4 degli associati aventi diritto di voto, con l’approvazione, sia in prima che in seconda convocazione, di almeno 3/4 dei soci
La destinazione del patrimonio residuo avverrà a favore di altra associazione che persegua finalità sportive e culturali, con finalità di pubblica utilità fatta salva diversa destinazione imposta dalla legge.

L’Assemblea che delibera lo scioglimento dell’associazione nomina uno o più liquidatori e delibera sulla destinazione del patrimonio che residua dalla liquidazione della stessa.

Titolo XII- Disposizioni finali
Art. 16) Disposizioni finali
Per tutto ciò che non è espressamente previsto si applicano le disposizioni contenute nel codice civile e nelle leggi vigenti in materia.
Letto, visto e approvato dai soci fondatori

Isabella Gioffrè
Milena Perri
Maurizio Taricco